Piattaforma

  • Stampa
  • E-mail
L'autostrada WI-PIE è formata da:

Backbone regionale

in fibra ottica, gestita dal CSI-Piemonte che permette l'accesso sulla stessa struttura fisica a Pubbliche Amministrazioni, cittadini, imprese, Atenei e mondo della ricerca. Si sviluppa come rete ad alta velocità, articolata su 11 nodi di accesso realizzati in punti strategici del territorio, caratterizzati da alta concentrazione di utenza e favorevoli alla connessione con le infrastrutture locali, nazionali e internazionali per un totale di circa 900 km circa di fibra ottica.

Il Backbone si articola in 4 componenti:
  • Internet Exchange
Estensione su scala regionale dell'infrastruttura di rete, realizzata da TOP-IX, per offrire disponibilità di soluzioni tecnologiche a banda larga all'intero sistema produttivo     piemontese. È una rete dove gli operatori internet possono scambiare traffico "Internet     Protocol (IP)", in base alle regole omogenee e pubbliche di "peering". Diffonde sul territorio     l'opportunità di scambiarsi banda larga, permette di aumentare la competitività degli     operatori e di fare crescere gli Internet Service Provider

  • PDI (Piattaforma d'Innovazione)
Piattaforma di test su scala regionale dove, grazie a TOP-IX, le piccole e medie imprese possono sperimentare idee e progetti, con la possibilità di individuare punti di forza e di debolezza ed eventuali azioni correttive prima dell'ingresso sul mercato. Si sostengono a livello infrastrutturale sia la sperimentazione in fase pre - competitiva di tecnologie, servizi, modelli operativi e di business, sia iniziative innovative che usino internet a banda larga come strumento principale.
  • Rete riservata alla PA locale
Rete su cui è ridefinita RuparPiemonte secondo una logica distribuita e propedeutica al decentramento sul territorio.
  • Atenei
Connessione tra le sedi degli Atenei distribuite sul territorio piemontese. È stata già realizzata la connessione (1 Gbps) tra le sedi del Politecnico di Torino e Vercelli ed è in fase di realizzazione la connessione tra le sedi dell’Università del Piemonte Orientale di Alessandria, Novara e Vercelli.

Caratteristiche tecniche
La principale caratteristica tecnica è l'utilizzo della tecnologia DWDM (Dense Wave Division Multiplexing), che permette di veicolare in un'unica fibra ottica (multiplando le diverse lunghezze d'onda della luce) più reti virtuali, ognuna con capacità di 10 Gbps. La capacità totale di trasporto del backbone può arrivare fino a 320 Gbps.
L'attuale configurazione prevede le lunghezze d'onda:
  • rete a 10 Gbps per la Piattaforma di Innovazione di TOP-IX;
  • rete a 10 Gbps suddivisa tra l'Internet Exchange di TOP-IX e rete riservata alla PA;
  • rete a 10 Gbps dedicata agli Atenei.


Dorsali provinciali

in fibra ottica spenta (quasi 700 km) per diffondere capillarmente l’opportunità di accesso alla banda larga nei territori provinciali. Si tratta di infrastrutture in fibra ottica che sono state realizzate ex-novo e che, partendo dai capoluoghi di Provincia, si sviluppano verso le aree periferiche di ciascun territorio provinciale.

Condizioni di utilizzo delle infrastrutture
L'attività di mediazione verso gli operatori di mercato è affidata al concessionario, individuato in fase di gara, attraverso la stipula di un contratto di concessione.
Il concessionario ha il ruolo di wholesaler, ovvero affitta "all'ingrosso" l'utilizzo dell'infrastruttura (in termini di coppie di fibra spenta) agli operatori di telecomunicazioni autorizzati. Ha la responsabilità della gestione e manutenzione (con oneri economici a proprio carico) dell'intera infrastruttura realizzata per un periodo pari a 20 anni.

Progetti
Bando regionale
Finanziato dalla Regione Piemonte (circa 7.000.000 Euro), ha permesso la realizzazione di infrastrutture in fibra ottica spenta nelle 8 Province piemontesi

Progetto Patti Territoriali
Finanziato dalla Provincia di Torino mediante riorganizzazione delle risorse economiche dei Patti territoriali di Canavese, Stura, Sangone e Pinerolose (circa 7.000.000 Euro), ha permesso la realizzazione di infrastrutture in fibra ottica spenta sul territorio della Provincia di Torino (vedi dettaglio )


Mappe delle infrastrutture in fibra ottica
Di seguito l'elenco delle mappe suddivise per Provincia.
Per la visualizzazione è necessario utilizzare Autocad.








Verbania-DOME


Catalogo servizi
I contratti tra il concessionario e gli operatori di mercato saranno stipulati direttamente dal concessionario sulla base di un catalogo servizi così strutturato:
IRU 5y (diritto di usufrutto su una coppia di fibre spente per un periodo di tempo pari a 5 anni);
IRU 10y (diritto di usufrutto su una coppia di fibre spente per un periodo di tempo pari a 10 anni);
IRU 15y (diritto di usufrutto su una coppia di fibre spente per un periodo di tempo pari a 15 anni).
Il catalogo servizi prevede 2 differenti meccanismi di "pricing":
  • la coppia di fibre spente è richiesta per connettere sedi della PA e luoghi di pubblica utilità;
  • altre tipologie di utenza 

Consulta:



Infrastruttura in tecnologia wireless

per la PA presso le Comunità Montane e le aree rurali. Il progetto finanziato con fondi CIPE ha visto l'infrastrutturazione di 43 su 48 Comunità Montane piemontesi, secondo progetti modulari da loro proposti tramite l'utilizzo di tecnologie wireless e satellitari. Oltre 200 i Comuni montani infrastrutturati.